PROFESSIONE E STUDIO DIGITALE

Multitasking e professione legale: è davvero una buona idea?

Proviamo a guardarci da fuori: cosa vedremmo? Con buona approssimazione che rappresenta tutti noi, assisteremmo a questo tipo di spettacolo: una persona indaffarata a sbrigare incombenze che viene costantemente interrotta da tanti input esterni diversi: dai popup sul computer ai bip delle notifiche del telefono, alle interruzioni di collaboratori e colleghi, a squilli del telefono dalle suonerie esotiche. Ciò che salterebbe subito all’occhio è la confusione con cui vengono condotte le attività, la frammentazione, il saltare continuamente qua e là, senza riuscire a chiudere nulla al primo colpo. Se facessimo notare quanto osservato al nostro interessato ci obietterebbe, a seconda dei casi, che non può fare diversamente, che non sa fare diversamente, che oramai è un’abitudine, o addirittura che così…

Continua a leggere...

Misurazione dell’efficienza dell’approccio digitale nell’ambito della direzione legale

Al giorno d’oggi uno dei temi di maggior interesse per quanto concerne la direzione legale in ambito aziendale è certamente il grado di digitalizzazione raggiunto e la capacità di fronteggiare con tempestività tutte le problematiche che si pongono nell’ambito del processi produttivi e commerciali. L’approccio digitale non può che essere (e in realtà è ormai da molti anni) l’unica strada percorribile per assicurare rapidità di intervento e canali sicuri per lo scambio di informazioni; per usare un termine molto in voga di questi tempi si pone dunque l’esigenza di definire un approccio digitale “by design” che sia in grado di rispettare al contempo la normativa in materia di protezione dei dati personali e di assicurare al contempo efficienza ed efficacia…

Continua a leggere...

Il tempo è la risorsa principale nella professione: come gestirlo al meglio

Riempire una scatola o pianificare le attività? Questa dovrebbe essere la domanda che ogni persona dovrebbe farsi, sia nella vita privata che professionale. Noi oggi ci occuperemo della vita professionale, dove il tempo notoriamente non basta mai per la mole di attività che siamo chiamati ad affrontare. Il vero punto non è però il tempo, ma l’organizzazione e prima ancora dell’organizzazione il vero punto è avere le idee chiare su ciò che si vuole ottenere. Partiamo dunque da qui nel nostro viaggio nel tempo. IDEE CHIARE Sentirete parlare di tecniche, di App per pianificare le attività, di libri di ogni tipo per la gestione del tempo (anche io ne ho scritto uno: La gestione del tempo nell’attività professionale). Tutto giusto,…

Continua a leggere...

Lo Studio legale diventa un team: come gestire i collaboratori

Se è vero che gli studi legali stanno rispondendo alle richieste del mercato strutturandosi e spesso unendo le forze, altrettanto vero è che lo studio così costituito sta diventando una azienda che richiede altre logiche per essere gestito, ben diverse a quelle a cui per decenni gli studi sono stati abituati. Il mercato business fatto da pmi e da grandi aziende richiede velocità nella risposta, specializzazione, cura e organizzazione per poter gestire adeguatamente la consulenza necessaria alle aziende in una competizione sempre più serrata e globale. Per poter dare queste risposte gli studi hanno organizzato dapprima soluzioni legate ai servizi legali, quindi si sono concentrati nell’accorpare sotto lo stesso brand competenze che potessero abbracciare ampi settori del diritto e offrire…

Continua a leggere...

Misure di sicurezza per la protezione dei dati personali

Una delle sfide che l’Italia si trova a dover affrontare con celerità ed efficacia è quella di alzare il livello di sicurezza dei servizi ICT offerti. È una sfida preoccupante, reale, sentita in primis dal Garante della Privacy che nella giornata del 27/03/2019 ha emesso un comunicato sul proprio sito per spiegare quanto sia importante e centrale il ruolo della Cyber Security oggi più di ieri. Per poter soddisfare questa crescente esigenza di sicurezza non servono solo i tecnici, né tantomeno i “semplici” giuristi; è invece necessario che la figura del giurista, essenziale in questa sfida, si evolva e si apra ad un mondo per lui certamente nuovo ma carico di prospettive e sfide. In questa direzione e su queste…

Continua a leggere...

Relazione tra direzione legale e studio esterno

La relazione tra direzione legale e studio legale esterno è certamente uno dei punti centrali e più importanti delle relazioni tra avvocato e cliente (media – grande azienda), visto che può assumere forme assai diversificate e anche delicate nella vita aziendale. All’interno di tale relazione si possono certamente distinguere due ambiti, uno organizzativo e uno contenutistico; entrambi comunque di fondamentale importanza. Per quanto concerne l’aspetto organizzativo questo tipo di relazione può assumere le forme più svariate; certo è che laddove si tratti di un rapporto fiduciario e consolidato sarebbe buona regola che anche le forme di comunicazione non fossero demandate all’utilizzo di strumenti classici quali ad esempio le e-mail. Al giorno d’oggi si possono infatti ipotizzare forme di comunicazione e…

Continua a leggere...

Come scrivere per il web: una nuova mentalità per i legali

Sapere scrivere è sicuramente una dote importante, soprattutto per i professionisti. Intorno alla scrittura dobbiamo però porci una serie di domande e di distinguo, perché saper scrivere non è una questione di cultura e di capacità dialettica, ma coinvolge la capacità di saper adattare ai vari contesti diversi stili e livelli di scrittura. Lo scrivere non vuol dire solo saper organizzare in forma corretta i propri pensieri su un foglio o saper argomentare efficacemente una teoria. Scrivere con efficacia vuol dire saper entrare in contatto con i propri lettori. Il primo tema che si pone è quindi sul cosa richiede la scrittura per essere efficace. Innanzitutto richiede la capacità di saper valutare chi sono i nostri interlocutori privilegiati e quindi…

Continua a leggere...

Canali e strumenti per lo sviluppo del business legale

Lo sviluppo del business di uno studio legale oggi passa attraverso precise strategie. Bisogna avere chiari dunque obiettivi che si vogliono raggiungere e le strategie che si devono percorrere. Esattamente come in un viaggio si fissa prima la meta e poi si definisce la strada, così nel business development va prima chiarito l’obiettivo di business e poi la strategia necessaria per ottenerlo. Proprio come in un viaggio si possono trovare imprevisti, così nel percorso di business development si troveranno per forza ostacoli, difficoltà e situazioni impreviste che richiedono una soluzione per poter proseguire il cammino. Flessibilità, costanza e determinazione saranno quindi gli ingredienti necessari per un viaggio ben pianificato di cui si vuole vedere la meta. Sappiamo bene tutti oggi…

Continua a leggere...

Lo Studio legale mette casa sul web

L’avvocato da sempre è stato associato al Foro, allo studio professionale e al passaparola. Chi cercava un avvocato sapeva di poter contare su questi luoghi e strumenti per reperirne uno che facesse al caso proprio. Da qualche anno le cose stanno cambiando e un altro luogo sta diventando dimora naturale anche per l’avvocato, come per molti altri professionisti: il web. La casa per abitare questa nuova dimensione è il sito Internet, condizione necessaria per avere un indirizzo e numero civico, il link www che indica la dimora o dominio. Non è finita qui. Dopo che l’avvocato ha messo su casa nel web necessita di cartelli stradali posizionati in punti strategici che indichino la sua presenza e come raggiungerlo: questo lo…

Continua a leggere...

Privacy: quando i professionisti sono responsabili del trattamento?

Lo scorso 7 febbraio il Garante Privacy ha fornito alcune precisazioni in merito al ruolo e alle responsabilità dei Consulenti del lavoro nel trattamento dei dati dei dipendenti dei loro clienti, tenendo conto delle novità introdotte con il GDPR. I chiarimenti forniti assumono estrema rilevanza, soprattutto in considerazione della possibilità di estendere gli stessi ad altri professionisti ai fini della loro corretta qualificazione. Giova a tal proposito ricordare che il Consiglio Nazionale dei Consulenti del lavoro si era pronunciato sul punto con circolare n. 1150 del 23 luglio 2018, escludendo l’obbligo, in capo ai Consulenti del lavoro, di essere nominati responsabili del trattamento. Nell’ambito della richiamata circolare il Consiglio Nazionale dei Consulenti del lavoro si è infatti soffermato sul ruolo…

Continua a leggere...