Senza categoria

Proposte di lettura da parte di un bibliofilo cronico

Il libro dell’incontro – Vittime e responsabili della lotta armata a confronto Guido Bertagna, Adolfo Ceretti e Claudia Mazzucato Il Saggiatore Prezzo – 22 Pagine – 466 Questo libro cambia la storia d’Italia. L’incontro di cui parla – fra vittime e responsabili della lotta armata degli anni settanta – è infatti destinato ad avviare un radicale cambio di paradigma storico: non si potrà più guardare agli «anni di piombo», ai loro fantasmi e incubi, con gli stessi occhi; né si potrà tornare a un’idea di giustizia che si esaurisca nella pena inflitta ai colpevoli. Le prime pagine ancora oggi dedicate alla lotta armata e alle stragi, le centinaia di libri pubblicati, i film, le inchieste dimostrano non tanto un persistente…

Continua a leggere...

Proposte di lettura da parte di un bibliofilo cronico

La mia idea di arte Papa Francesco Mondadori Prezzo – 16 Pagine – 99 Per la prima volta papa Francesco parla di arte. E lo fa con questo libro, in cui espone con la consueta forza e chiarezza la sua idea sull’arte, i musei e il loro rapporto con la nostra società: “L’arte, oltre a essere un testimone credibile della bellezza del creato, è anche uno strumento di evangelizzazione. Guardiamo la Cappella Sistina: cosa ha fatto Michelangelo? Un lavoro di evangelizzazione.” “I musei devono accogliere le nuove forme d’arte. Devono spalancare le porte alle persone di tutto il mondo. Essere uno strumento di dialogo tra le culture e le religioni, uno strumento di pace. Essere vivi! Non polverose raccolte del…

Continua a leggere...

Proposte di lettura da parte di un bibliofilo cronico

La reliquia di Costantinopoli Paolo Malaguti Neri Pozza Prezzo – 18,00 Pagine – 592 1565, Venezia. Il sole non lambisce ancora il camposanto di San Zaccaria, quando il vecchio Giovanni si cala nella tomba del chierico Gregorio Eparco, il suo antico tutore, appena riesumata dai pissegamorti in cambio di tre ducati. Non vuole trafugare la bara di legno marcio o le ossa ricoperte di lanugine e muffa. Sta cercando un libercolo. Un diario «avvolto in una pezza di tela cerata, sigillata da un nastro nero», che lui stesso, cinquant’anni prima, ha nascosto sotto la nuca del maestro, dopo aver giurato di non sfogliarlo né di farne parola con nessuno.  Il giuramento, però, ora può essere infranto, poiché le annotazioni contenute…

Continua a leggere...

Proposte di lettura da parte di un bibliofilo cronico

I russi Tommaso Landolfi Adelphi Prezzo – 30 Pagine – 365 Nel 1928 Landolfi è studente all’Università di Firenze. Dai corsi ufficiali, però, si tiene «a rispettosa distanza»: la sua unica, «beata», occupazione è parlare per notti intere di letteratura con gli amici Carlo Bo, Leone Traverso e Renato Poggioli. «Lì era la nostra università,» ricorda «a quella vera non andavamo mai». È grazie a Poggioli che scopre la letteratura russa: e in questa disciplina, che a Firenze allora nessuno professava, si laureerà nel 1932 con una tesi sull’opera di Anna Achmatova. Intanto, nel 1930, sono usciti un racconto, Maria Giuseppa, e la recensione al Re Lear delle Steppe di Turgenev: il suo doppio destino – di scrittore e di…

Continua a leggere...

Proposte di lettura da parte di un bibliofilo cronico

Contro la bellezza Viviano Domenici Sperling & Kupfer Prezzo – 19,00 Pagine – 288 L’imponente tempio di Bel a Palmira, la reggia di Nimrud, le statue dei re di Hatra e i capolavori conservati nel museo di Mosul: alcune delle più spettacolari testimonianze delle civiltà fiorite, due o tremila anni fa, fra la Siria e l’Iraq attuali sono state polverizzate nel 2015 dai miliziani dell’Isis, tra grida inneggianti ad Allah e prediche farneticanti contro gli «idoli». Anni prima, in Afghanistan, i monumentali Buddha di Bamiyan erano caduti sotto i colpi dei talebani, che depredarono e devastarono il museo di Kabul, uno dei più importanti al mondo. Perché i fanatici seguaci del Califfato e del mullah Omar si accaniscono contro quelle…

Continua a leggere...

Impignorabilità di stipendi e pensioni: le novità del D.L. 83/2015

Il d.l. 27 giugno 2015, n. 83, recante “Misure urgenti in materia fallimentare, civile e processuale civile e di organizzazione e funzionamento dell’amministrazione giudiziaria”, convertito con modifiche in legge 6 agosto 2015, n. 132, ha riformato gli artt. 545 e 546 c.p.c., introducendo significative novità in tema di pignoramento di stipendi e pensioni. Recependo le indicazioni della giurisprudenza anche costituzionale, il legislatore è intervenuto essenzialmente su due fronti: il primo concerne la determinazione della quota di pensione assolutamente impignorabile; il secondo riguarda il pignoramento dei conti correnti su cui confluiscano emolumenti retributivi e pensionistici.Volte a garantire il c.d. minimo vitale al debitore, le novità sono certamente apprezzabili ma sollevano nuovi problemi applicativi. 1. La quota mensile di pensione assolutamente impignorabile….

Continua a leggere...

La ricerca telematica dei beni da pignorare: una novità in continua evoluzione

L’istituto della ricerca telematica dei beni da pignorare, introdotto dal  d.l. 12 settembre 2014 n. 132, convertito in legge 10 novembre 2014, n. 162, allo scopo di agevolare la soddisfazione coattiva dei crediti ha dato origine al molti dubbi applicativi sin dal principio ed è stato oggetto di modifiche da parte del d.l. 27 giugno 2015, n. 83, recante “Misure urgenti in materia fallimentare, civile e processuale civile e di organizzazione e funzionamento dell’amministrazione giudiziaria”, convertito con modifiche in legge 6 agosto 2015, n. 132. Le novità apportate dalla legge 132/2015 sono rilevanti e sono destinate ad influire sulla operatività dell’istituto. 1. Premessa Come ormai noto, il d.l. 12 settembre 2014, n. 132 recante “Misure urgenti di degiurisdizionalizzazione ed altri interventi per…

Continua a leggere...

Orgoglio e pregiudizio

  La pressione competitiva e la tecnologia stanno trasformando profondamente il lavoro all’interno degli studi professionali. La grande novità è la richiesta di tempestività ed efficienza in un lavoro dove il mantra è sempre stato mettici tutto il tempo che ti serve, perché l’unica cosa che conta è che tu lo faccia bene. L’importante è rispettare le scadenze cogenti, o le emergenze del cliente, ma per il resto organizzati tu come meglio credi   La crisi, purtroppo, impone l’immediata trasformazione degli artisti della partita doppia e dei creativi del cedolino in operai da film di Charlie Chaplin.   Lo studio professionale deve recuperare efficienza ovunque, non potendo più scaricare i suoi costi sui clienti. Questo significa cambiare radicalmente le proprie modalità…

Continua a leggere...

Dimmi che scarpa hai e ti dirò chi sei

Il proverbio dice che “ L’abito non fa il monaco”, scusate ma io non la penso così e il dissenso aumenta quando si parla di scarpe. Aveva ragione la mamma di Forrest Gump quando diceva che dalle scarpe di una persona si capiscono tante cose, dove va, cosa fa e dove è stata. Ogni occasione ha la sua scarpa. La Francia è maestra nell’arte della scarpa avendo una propria e vera venerazione per quello che non è e non deve assolutamente essere considerato come un semplice accessorio, indispensabile nella maggior parte delle situazioni, a meno che non si ambisca a emulare il purtroppo irraggiungibile Robert Redford di “A piedi nudi nel parco” splendida trasposizione cinematografica di Gene Saks dell’omonima commedia…

Continua a leggere...